Rifugio Barba Ferrero

Alpe Vigne Sup, - mt. 2247 - Alagna
phone: +39 3481415490
email Rifugio Barba Ferrero



Le due baite, che formano l'alpeggio, si collocano sulla sponda destra del torrente Flua, in prossimità del salto di roccia che sostiene l'imponente morena laterale del ghiacciaio Sesia-Locce. La data della loro costruzione è incerta e non esistono testimonianze scritte a riguardo, ma la posizione e l'esposizione del ricco pascolo suggeriscono antiche origini, verso l'inizio del 1700

Nel 1966 il Consiglio Direttivo del CAI Vercelli iniziò i lavori ristrutturazione ai quali contribuirono economicamente la famiglia Barba (a memoria di Nino, a lungo Presidente della Sezione Vercelli) e la famiglia Ferrero (a memoria del figlio Luciano, giovane alpinista stroncato da una grave malattia), oltre ad altri enti e privati. La ristrutturazione terminò nel 1968 e venne inaugurato il 1° settembre. Da allora è il Rifugio Barba Ferrero.


come raggiungere il rifugio


dal piazzale dell'Acqua Bianca seguire il sentiero n° 7 e in circa 2 ore si raggiunge il rifugio

apertura


dal 15 Giugno al 8 Settembre aperto tutti i giorni - aperto 14/15 Settembre

itinierari possibili dal rifugio


- Itinerario I “Testanera” (molto facile): arrivando dal sentiero 7 si può attraversare il Rio Vigne (grazie a una comoda passerella in legno) e seguire il sentiero 7d che giunge all’Alpe Testa Nera in circa 40’. Da qui si gode di un bellissimo panorama, ci si può rilassare vicino ad un piccolo laghetto ed è inoltre possibile seguire il percorso alternativo di ritorno alla Cascata Acqua Bianca e quindi ad Alagna percorrendo un sentiero più graduale rispetto al sentiero 7.
-Itinerario II “Ghiacciai del Rosa” (facile): a fianco del rifugio si segue un sentiero facile e ben visibile che in 1h 15’ porta in mezzo a ben 4 ghiacciai consentendo di osservare veramente da vicino un ambiente straordinario, in cui si possono avvistare frequentemente branchi di stambecchi e camosci.
-Itinerario III “Gugliermina” (medio): lungo la morena del ghiacciaio delle Piode seguendo gli “omini” in pietra a 3212 m si raggiunge la capanna Gugliermina (ex-Valsesia) presso la quale è anche possibile pernottare (12 posti letto). E’ sufficiente una normale attrezzatura da trekking (non servono ramponi) ma bisogna fare attenzione ad alcuni punti un po’ esposti. Dal Barba Ferrero ci vogliono circa 3h 30’.
- Itinerario IV “Resegotti” (medio/difficile): un altro itinerario porta alla Capanna Resegotti (ore 3,30/4 – 16 posti letto – 3624 m), poco sotto la cresta Signal. Si prosegue per i prati sovrastanti il rifugio attraverso un sentiero ben segnato fino alla morena, di qui al ghiacciaio e poi per facili roccette al bivacco. E' un percorso un po' più impegnativo perché prevede il passaggio sul ghiaccio e spesso anche su alcuni nevai. Gli alpinisti più esperti affronteranno poi la Signal per arrivare alla Capanna Margherita in cima al Rosa, ma per la difficoltà della salita si consiglia di affrontarla solo in perfette condizioni meteo.
- Itinerario V “Punta Grober” (difficile): ascensione molto in voga fra gli alpinisti che fanno tappa al Barba-Ferrero è la Punta Grober – 3497 m. I percorsi di avvicinamento sono diversi, ma molto simili a quello per la capanna Resegotti, in questo caso però le rocce e la cresta finali sono più impegnative e richiedono maggior tecnica alpinistica.