consigli scialpinismo

Consigli sullo sci alpinismo delle guide di Alagna e Gressoney

La gioia di salire con gli sci in un ambiente di bellezza immane ridimensiona i momenti bui della vita;  se cerchi consigli sullo sci alpinismo delle guide del Monte Rosa, continua a leggere.

Si può riassumere così il concetto di sci alpinismo?

Sono il silenzio, i pendii bianchi, la musica del tuo respiro oppure il gesto sportivo le motivazioni, che ti spingono a mettere le pelli agli sci e puntare a una cima?
O forse gli amici, la convivialità delle soste oppure la solitudine o la consapevolezza di essere un nulla rispetto al tutto del creato?

Ma tu che mi leggi e non hai mai fatto sci alpinismo sul Monte Rosa

Al di là della retorica, che magari ti ha incuriosito, sai cosa è questo sport che ogni giorno diventa più popolare?
Potrei dirti che è uno sci libero senza usare gli impianti, fuori dai percorsi battuti, con gli sci come solo strumento per spostarsi.
Uno sport per tutti? certo; per tutti i curiosi, i sognatori e gli entusiasti, che sanno già sciare in pista e che non hanno paura di impegnarsi e trovare in se stessi risorse nuove. Se hai pensato che lo scialpinismo sia solo fatica e una discesa su neve gelata, stai sbagliando. Segui i consigli di sci alpinismo delle guide del Monte Rosa e saprai che è gioia!

I consigli sullo sci alpinismo delle guide del Monte Rosa per scegliere la tua gita con consapevolezza

  • La scelta della gita
    L’itinerario va scelto in base alle proprie capacità fisiche innanzitutto; bisogna poi tenere in conto di meteo, condizioni della neve, esposizione della salita e bollettino valanghe.
  • Studiare la salita ma anche la discesa
    Il percorso che hai scelto lo devi studiare prima, capire se ci sono passaggi che potrebbero metterti in difficoltà e prevedere ciò che potrebbe servirti per superarli; devi essere umile e chiedere consiglio. Senza dimenticare di pensare alla discesa, che non sarà su una pista battuta ma su un pendio vergine, che dovrai essere in grado di affrontare.
  • La sicurezza
    Devi sempre essere equipaggiato con Artva, Pala e Sonda, indispensabili e obbligatori. Ma bisogna anche saperli usare. Non basta averli nello zaino; devi conoscerne la tecnologia e l’utilizzo pratico. Devi tenere conto delle condizioni meteo; anche di quelle dei giorni precedenti la gita e prevedere di iniziare la salita tenendo conto delle temperature. E soprattutto non devi strafare: scendere tardi con le gambe a pezzi mina alla base la tua sicurezza.
  • L’equipaggiamento
    Per goderti la giornata, usa sci che conosci bene; preparali bene con la sciolinatura adatta (uno sci che “corre veloce” è uno sci facile, uno sci che è secco, non corre e diventa difficile). Lo sci ideale è sciancrato e ha una larghezza di 90/95 mm sotto il piede; la lunghezza dovrebbe essere poco più della tua statura. Sceglili strutturati e non troppo leggeri, peseranno un po’ di più ma saranno più stabili!
    La scarpa è fondamentale: comoda ed un po’ morbida anche se ciò va a discapito della sciata in discesa ma è più facile da tenere per molte ore. Importante è che siano caldi, con la suola in gomma, per non scivolare quando sarai in vetta e ti fermerai a mangiare un panino!
  • Impara prima di lanciarti nell’avventura
    Lo sci alpinismo è sci fuori dai luoghi che ti sono famigliari, non farti trovare impreparato. Devi saper leggere un bollettino meteo e il bollettino valanghe; il rischio di essere coinvolti in una slavina dipende al 90% dal nostro atteggiamento e da come ci comportiamo sui pendii! Devi imparare a conoscere la neve e valutare con obiettività il tua capacità di resistenza alla fatica; fermati prima di essere troppo stanco perché dovrai ancora scendere. E soprattutto segui i consigli dei professionisti. Internet e il passaparola vanno valutati con attenzione ma non sempre sono consigli verificati

Hai dubbi? Scrivici! Sapremo consigliarti e insegnarti.

Oppure:

DAI UN’OCCHIATA ALLE ESPERIENZE DI SCI ALPINISMO SUL MONTE ROSA

Quali sono le gite di sci alpinismo più emozionanti sul Monte Rosa

Il colle di Zube
La gita che ti porta nella magica val’Otro, dove quadri di donne, uomini, animali e natura di una montagna vera si fondono in un connubio armonico. Una salita alla portata di tutti e una discesa dolce, che sapranno farti vivere storie di neve e di vita.
La valle perduta
Cerchi la polvere rosa? la leggenda racconta che questo è il posto dove trovarla! Un viaggio attraverso tutte le sfaccettature della montagna: garanzia di curve indimenticabili sui morbidi pendii modellati dal ghiacciaio del Lys prima e noi boschi di Gressoney poi,con l’emozione di provare una calata con imbragatura e sci ai piedi per entrare in un mondo sorprendente di grotte e torri di ghiaccio.
Scialpinismo al Castore
Scialpinismo d’alta montagna, che unisce sci e alpinismo classico; salire d’inverno il Castore passando dal suo versante Ovest è una gita fantastica: una ripida parete da salire con gli sci nello zaino, una aerea e panoramica cresta e la lunga e fantastica discesa fino a Staffal. Sicuramente uno degli itinerari invernali più meritevoli del Monte Rosa
I piani di Verra
Una salita che non può mancare nel curriculum di uno scialpinista; perché? nel cuore del meraviglioso Ghiacciaio di Verra, è un itinerario che tocca tutte e tre le valli del Monterosa tra boschi meravigliosi, stimolanti pendii e neve polverosa per l’esposizione a nord. L itinerario plasir che permette di scoprire l’alta Valle d Ayas.
Digressioni sulle tracce del trofeo Mezzalama
Sci alpinismo sulle tracce ddel Trofeo sci alpinistico più famoso ed eroico della storia. Una traversata nel cuore del Monte Rosa che fra rivivere, tra ghiacciai e aria sottile, il vero spirito dello sci alpinismo, ripercorrendo con mente e cuore i passi dei pionieri della prima edizione della “Maratona Bianca” del 1935 . La salita al naso del Lyskamm (4080 m) ti regala la parete sud del Monte Rosa da un lato e la pianura Padana dall’altro. La discesa verso Alagna o Gressoney è straordinaria: pendii perfetti con mille varianti.

Come iniziare la tua storia con lo scialpinismo

  1. Zube: la gita per cominciare a fare sci alpinismo
  2. La piramide Vincent: la prima gita in quota
  3. La capanna Margherita: la gita quando sei certo di essere allenato

Leggi i consigli di sci alpinismo di Harvè Barmasse